Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
26 febbraio 2009 4 26 /02 /febbraio /2009 18:59

Non esiste alcun problema con i depositi bancari Italiani, escludiamo il fallimento di Banche Italiane” Disse Il ministro dell'economia Giulio Tremonti, l'organizzazione europea e' solida. ( qui il video link )

Roma, 22 gen. (Apcom) - Il premier Silvio Berlusconi ribadisce la linea dell'ottimismo per fronteggiare la crisi economica. Una scelta diversa, aggiunge, peggiorerebbe la situazione e porterebbe a una "crisi profondissima, torneremmo al '29". "La crisi non è così drammatica come tutti vogliono pensare". E ancora: "Bisogna avere paura di avere troppa paura. Tutti dobbiamo dare un contributo affinché la crisi non sia così drammatica".

"L'Unione Europea ha apprezzato quello che abbiamo fatto sia per il rigore e la prudenza, sia per il sostegno che abbiamo dato all'economia e alle famiglie bisognose". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, parlando delle misure prese dal governo per far fronte alla crisi economica. "Credo - ha proseguito - che dobbiamo continuare così ma dobbiamo anche proseguire a dire che la crisi sta nelle mani di tutti noi, sia per la profondità che per l'estensione temporale". "Invito tutti quelli che possono - ha concluso - a continuare con lo stesso stile di vita che avevano prima.



Ecco.... dopo tutte queste parole rassicuranti, e ovviamente tanto ottimismo, andiamo a fare compere, o anzi qualche bel viaggio, macchine nuove, attenti a non risparmiare troppo senno' si manda l'italia ai tempi del 29!!!.. Bisogna essere ottimisti !!!!!



Vaffanculo!!!!



Perche' vaffanculo ??? beh... innanzi I recenti crolli di prestigiose banche d'affari stanno dimostrando quanto sia marcio, e ormai instabile il sistema finanziario.
Northern Rock, Nomura, UBS, CitiBank, Fannie Mac, Societe Generale, Bear Stearns, Lehman Brothers. E chi sarà il prossimo ? Ma credete veramente che il nostro paese ne sia indenne ? Falliranno anche banche italiane, basta solo aspettare: purtroppo siamo invasi da analisti Venduti, affermando una forte stabilita' nel sistema Europeo. Ma come denunciava il britannico Daily Telegraph «Le banche europee erano particolarmente a rischio in caso di un fallimento della Aig, perché detengono i tre quarti dei 441 miliardi di dollari di strumenti complessi e deregolati protetti dalla Aig. Tali obbligazioni sono legate al mercato dei subprime, che si sta inabissando» quindi io mi pongo questa domanda...nessuono riesce a evitare l'effetto Domino... e noi grazie a Tremonti e co ???purtroppo molti di noi avranno la stessa sorpresa che hanno avuto molti risparmiatori Americani file di persone in coda presso le filiali delle banche colpite dal crollo... ma purtroppo per molti di loro e' stato inutile... risparmi di una vita svaniti...( per colpa dei manager che si sono dati, come dire..... Alla fuga col malloppo... ricorate la Enron?...) ovviamente chi ha la fortuna di avere dei risparmi, dato che Il 13% della popolazione italiana vive con meno di metà del reddito medio italiano, ossia con 500-600 euro al mese. E' uno dei dati contenuti del rapporto sulla povertà e l'esclusione sociale in Italia presentato a Roma dalla Caritas. Il 30% delle famiglie con 3 o più figli e il 48,9% di queste famiglie vive nel mezzogiorno. "Si tratta di percentuali molto elevate, commentano gli osservatori. Non solo, ma i "quasi poveri" ossia persone che sono al di sopra della soglia di povertà per una somma esigua, che va dai 10 ai 50 euro al mese, in Italia raggiungono una delle percentuali più alte rispetto all'Europa dei 15. Ma siii che cazzo ce ne facciamo dei soldi... Noi abbiamo l'ottimismo....ma molti di noi oltre a non avere una lira.... non hanno nemmeno un lavoro.... inafatti l'Istat, nel secondo trimestre 2008 il numero delle persone in cerca di occupazione è nuovamente aumentato, portandosi a 1.704.000 (+291.000 unità pari al +20,6% rispetto al secondo trimestre 2007). Il tasso di disoccupazione è aumentato di un punto percentuale in un anno posizionandosi al 6,7%. In confronto al primo trimestre 2008, al netto dei fattori stagionali, il tasso di disoccupazione è aumentato di due decimi di punto. Si tratta, precisa l'Istat, del più elevato tasso di disoccupazione degli ultimi due anni se si confrontano i dati destagionalizzati. L'aumento è dovuto alla crescita degli inattivi e degli ex-occupati. Il tasso di disoccupazione, segnala ancora l'istituto di statistica, è aumentato su base annua di 0,8 punti percentuali per gli uomini e di 1,3 punti percentuali per le donne, portandosi rispettivamente al 5,4 e all'8,7%. La crescita, territorialmente diffusa è risultata relativamente meno sostenuta nel Nord (0,6 punti percentuali), dove ha riguardato più ampiamente la componente femminile. Nel Centro la crescita è stata più accentuata (1,6%) e ha coinvolto sia gli uomini sia soprattutto le donne; nel Mezzogiorno l'innalzamento del tasso di disoccupazione (1,3%) ha interessato in misura pressoché analoga entrambe le componenti di genere. Il tasso di disoccupazione del Mezzogiorno (11,8%) è rimasto peraltro molto più elevato in confronto a quello del Nord (3,8%) e del Centro (6,4%). Addirittura il tasso di disoccupazione degli stranieri è cresciuto passando dal 7,6% del secondo trimestre 2007 all'8,8%.Ma questi dati oltre ad essere allarmanti gia' cosi', non rispecchiano la realta', bisogna tener conto di quante persone lavorano in nero, quanti precari ci sono in italia ?, e poi senza contare che oltre il 75% degli occupati hanno un cotratto a termine... dopo di esso rientrano nell'abisso della disocupazione, oltre a cio' ce' da contare tutti i giovani che tentano nel privato, ma che nel giro di poco tempo, ovvero il 69% fallisce nel giro di pochi mesi... dati che non compaiono nei rapporti istat...Certo e' facile parlare per i nostri politici con stipendi che partono dai 10.ooo ai 40.ooo € al mese... altro che ottimismo.... senza fare un cazzo, ( no anzi qualcosa lo fanno..... ci stanno mandando a rotoli ) prendono migliaia di euro... sarei una pasqua.... ci sarebbe ancora molto da dire.... volevo solo mettervi al corrente, che cio' che ci dicono, come al solito non rispecchia la verita'.



Repost 0
Published by Mek
scrivi un commento
25 febbraio 2009 3 25 /02 /febbraio /2009 00:10

 

Succede in Inghilterra, Un piccolo villaggio di “ Ashton Hayes” con circa 1000 abitanti,dal gennaio del 2006 ha incominciato un esperimento... Divenire la prima comunita' in Inghilterra, a ridurre a zero le emissioni di anidride carbonica.. Dimostrando che si puo' vivere nel XXI secolo, senza emissioni di Co2...
Come? Beh... innanzitutto
ogni persona in questo paese diffonde il messaggio di importanza di salvaguardare il nostro Ambiente, cercando di non utilizzare i mezzi di trasporto per motivi "Inutili", facendo il più delle commissioni a piedi o in bici, insegnando ai bambini (ovvero il futuro) l'importanza di rispettare la natura, portandoli sin dalla scuola materna a piantare alberi... preparandoli a scuola sull'argomento dell'innalzamento della temperatura, lo scioglimento delle calotte polari, l'estinzione di piante e animali “ responsabilizzandoli a riguardo della natura.. Insegnando ai cittadini, con conferenze, l'importanza nel stare attenti a non sprecare l'energia elettrica,spegnendo le luci quando non servono,non abusare dell'acqua, tenendo i rubinetti aperti per motivi futili ( mentre ci si lava i denti etc.. ) che oltre a creare enormi sprechi, fanno male anche nei conti in banca...

Insomma... propio tutti in questo piccolo paese... fanno un piccolo gesto per aiutare il nostro fragile pianeta a non dover più soffrire per colpa nostra...

Beh... sta funzionando hanno ridotto dal 2006 a oggi, oltre il 40% di inquinamento al territorio... quindi, potremmo anche noi, nel nostro piccolo, con tanti piccoli gesti.... a non essere il Cancro della nostra amata Terra....

In questo link  potrete trovare un breve videodocumentario che parla di questo piccolo
Villaggio Verde...

Repost 0
Published by Mek
scrivi un commento
12 febbraio 2009 4 12 /02 /febbraio /2009 01:41

Una società del Massuchssetts, Konarka Technologies, già attiva nello sviluppo e commercializzazione di un materiale che trasforma la luce in energia, il Power Plastic, ha presentato i risultati di una ricerca sull'uso della tecnologia di stampa a getto d'inchiostro come strumento di fabbricazione di celle solari ad alta efficienza. Lo studio ha dimostrato la possibilità di stampare in casa, in modo semplice e fai-da-te, pannelli solari utilizzando solamente una stampante e un foglio di plastica sottile e flessibile.
Dalla testina della stampante invece dell'inchiostro esce un polimero organico, una miscela di fullerene che è in grado di convertire la luce solare in elettricità. Le sostanze impiegate possono essere lavorate e stampate con facilità senza necessità di ulteriori verniciature. In pratica la stampa a getto d'inchiostro, comunemente impiegata per lo stampaggio controllato di materiali funzionali su superfici di substrati e pellicole polimeriche di grandi dimensioni, può essere utilizzata, secondo la ricerca condotta da Konarka, per la produzione, in casa o in ufficio, di celle fotovoltaiche organiche a film sottile che risultano avere la stessa efficienza di quelle realizzate in una “clean room”.
Questa tecnica di produzione risulterebbe leggera, poco costosa e soprattutto versatile, consentendo di creare prodotti di diversi colori, modelli e potenza diversa a seconda del risultato da ottenere.
La tecnologia, che necessita di sviluppo dal punto di vista commerciale, è più economica rispetto a quella basata sul silicio.Konarka Technologies, un innovatore nello sviluppo e nella commercializzazione della Power Plastic, un materiale che converte
l’energia solare in elettricità, ha annunciato di aver inaugurato il più grande impianto per stampante il roll-to-roll di film solare sottile a livello mondiale, oltre alla preparazione per la commercializzazione e la produzione di massa dei suoi prodotti protetti da brevetto come il film solare sottile in Power Plastic. L’impianto della Konarka situata a New Bedford, Massachusetts, è stato precedentemente sede della Polaroid Corporation con le più avanzate tecnologie di stampa della pellicola.

Repost 0
Published by Mek
scrivi un commento
12 febbraio 2009 4 12 /02 /febbraio /2009 01:32
Sul territorio Tedesco ormai sono oltre un milione, tra impianti fotovoltaici, termici, eolici....

Con questi impianti raggiungono 1.000.000 di MWh annui di energia elettrica, ovvero il fabbisogno di una città di oltre 600mila abitanti!!!!.... In Baviera si produce l'1% del totale di energia elettrica della regione con impianti a emissioni zero....

In Germania secondo alcuni sondaggi il 30 % degli spostamenti vengono fatti in bicicletta..

Non solo in Germania ma anche in Danimarca, Svezia, Svizzera l'impegno della salvaguardia ambientale e' sensibilmente in aumento...

Anche il Giappone sta diventando verde. Già dal 2006 raggiungeva una produzione annua di oltre 2.600.000 MWh, con una potenza totale di 1744 MW.

Per il 2010 si e' prefissata l'obbiettivo di raggiungere i 4800MW in grado di fornire energia per piu' di 7.000.000 di MWh.

Oggi il Giappone e' al primo posto con più del 40% del totale mondiale delle installazioni FV tra i Paesi aderenti al IEA Photovoltaic Power System Programme, a seguire la Germania con il 30%.

E l'Italia ???? Beh... lasciamo perdere...diciamo solo che piu' che verdi siamo....marroncinogrigio.. tipo cacca secca....come il nostro Premier....

Comunque speriamo un giorno o all'altro di sbocciare nell'ecologico....

Repost 0
Published by Mek
scrivi un commento
11 febbraio 2009 3 11 /02 /febbraio /2009 21:49

L'Ong francese lancia l'allarme per la carenza di farmaci anti-retrovirali...Sono circa 25mila le persone che rischiano di morire di Aids l'anno prossimo, a casua della carenza di farmaci anti-retrovirali e dello stato di abbandono del sistema sanitario del Myanmar. Lo rivela oggi Medecins Sans Frontieres.
Frank Smithuis, capo della missione dell'organizzazione umanitaria nell'ex Birmania ha invocato un urgente intervento, sia da parte della giunta militare che dalla comunità internazionale, per arginare quella che ha definito “una delle peggiori crisi dell'Hiv in Asia”. Secondo Msf, la crisi potrebbe colpire l'80 percento delle 15 mila persone che hanno attualmente accesso ai farmati, oltre a quelle che già ora ne avrebbero bisogno, questi ultimi stimati intorno alle 76 mila persone. “Il sistema sanitario governativo non può farsi carico di un numero così alto di pazienti” ha commentato Smithuis. A causa dell'embargo internazionale contro la giunta militare, negli ultimi anni il Myanmar ha ricevuto quote di aiuti umanitari nettamente inferiori rispetto ai paesi dell'area. La quota di aiuti ricevuti dai birmani è stimata in 2,90 dollari pro-capite, confronto ai 50 dollari a testa ricevuti mediamente dagli abitanti del Laos e ai 23 destinati ai vietnamiti.

Repost 0
Published by Mek
scrivi un commento
11 febbraio 2009 3 11 /02 /febbraio /2009 21:45

La giunta militare al potere nel Myanmar starebbe incentivando la popolazione delle aree rurali a intraprendere la coltivazione del papavero da oppio. É la denuncia giunta oggi da parte di alcuni gruppi armati attivi nelle zone settentrionali del Paese.
La denuncia viene da alcuni gruppi armati attivi nel nord del Paese
Na notizia è stata comunicata all'agenzia birmana in esilio “Mizzima” da Ailong Khammwe, leader del Lahu Democratic Front (Ldf). Secondo Khammwe, “non solo l'esercito è sempre più coinvolto nella produzione e nel traffico illegale di oppio, ma sta incentivando la popolazione alla sua coltivazione”. Le zone in questione sarebbero le provincie di Mongsart e Mongtong, a est dello Stato di Shan. Non ci sono però conferme da parte di organi indipendenti. La coltivazione dell'oppio nell'ex Birmania risulta in netta crescita negli ultimi tre anni, mentre nel 2005 un gruppo armato dello Stato di Shan, United Wa State Army, ne aveva vietato la coltivazione. Una decisione che ha però incentivato il mercato clandestino, anche a causa della povertà molto diffusa tra la poplazione. I civili dello stato di Shan, spinti dai guadagni relativamente semplici starebbero convertendo le coltivazioni tradizionali in campi di oppio, a quanto pare anche col sostegno dell'esercito.

Repost 0
Published by Mek
scrivi un commento
11 febbraio 2009 3 11 /02 /febbraio /2009 20:57

Dall'11 gennaio 2002, il governo degli Stati Uniti ha aperto un campo di prigionia all'interno della base. Vi sarebbero detenute, secondo stime non ufficiali, oltre 500 persone che il governo americano riterrebbe collegate ad attività terroristiche. Solo per 10 di queste è stato formalizzato un capo d'imputazione con conseguente rinvio a giudizio.

Circa le modalità di funzionamento della parte carceraria della base, si sono levate polemiche circa le condizioni di reclusione e l'effettivo statusgiuridico-fattuale dei reclusi. Da parte di alcuni osservatori si sostiene infatti che i reclusi non sarebbero classificati dal governo USA come prigionieri di guerra, né come imputati di reati ordinari (il che potrebbe garantire loro processi e garanzie ordinarie), ma sarebbero invece ristretti come detainees (detenuti) senza dichiarato titolo.

Il dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha diffuso alcune fotografie dei detenuti nella base militare. L'ex segretario alla Difesa Donald Rumsfeld ha dichiarato che questi prigionieri sarebbero "combattenti irregolari" cui non si applica "alcuno dei diritti della Convenzione di Ginevra". Essi "non saranno considerati come prigionieri di guerra, perché non lo sono", ha precisato.

L'Alto Commissario per i Diritti dell'Uomo dell'ONU, Mary Robinson, ha protestato contro l'atteggiamento degli Stati Uniti. L'ex-presidente della Repubblica d'Irlandaha insistito sugli "obblighi internazionali, che vanno rispettati". Rispondendo il 21 gennaioalle critiche mosse da altri paesi (alcuni dei quali alleati) contro il trattamento inflitto ai prigionieri, Rumsfeld ha infine affermato che esso sarebbe conforme "nelle parti essenziali" alla Convenzione di Ginevra.

Il 29 giugno 2006, in occasione dell'appello di un detenuto, Salim Ahmed Hamdan, una sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito la violazione della Convenzione di Ginevra e il Codice di Giustizia Militare statunitense dovuta:

  • alle modalità di detenzione dei prigionieri all'interno della base di Guantanamo ed
  • ai tribunali militari speciali istituiti per giudicarne i detenuti.

La legislazione approvata a dicembre 2005 (legge sul trattamento dei detenuti del 2005) ha revocato il diritto dei detenuti di Guantánamo di presentare istanze di habeas corpuspresso corti federali statunitensi contro la loro detenzione o trattamento, permettendo soltanto limitati appelli contro le decisioni dei Tribunali di revisione dello status di "combattente" e delle commissioni militari. È così stato messo in discussione il futuro di circa 200 casi in corso in cui i detenuti avevano presentato ricorso contro la loro detenzione in seguito a una sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti del 2004 che aveva decretato il loro diritto a presentare tali ricorsi.

Amnesty International, nel Rapporto 2006 riporta che:

  • I Tribunali di revisione dello status di combattente (CSRT) istituiti dal governo nel 2004, hanno reso noto, nel marzo 2004, che il 93% dei 554 detenuti esaminati erano da considerarsi a tutti gli effetti “combattenti nemici”. I detenuti non avevano un rappresentante legale e molti di loro hanno rinunciato a partecipare alle udienze dei CSRT, che potevano avvalersi di prove segrete e di testimonianze estorte sotto tortura.
  • nell'agosto 2005, un imprecisato numero di reclusi ha ripreso lo sciopero della fame già iniziato a giugno per protestare contro la perdurante mancanza di accesso a una corte indipendente e contro le dure condizioni di detenzione, che sarebbero state caratterizzate anche da violenze e pestaggi. Più di 200 detenuti (cifra contestata dal Dipartimento della Difesa) avrebbero partecipato almeno a una fase della protesta. Diversi detenuti hanno denunciato di essere stati vittime di aggressioni fisiche e verbali e venivano alimentati a forza: alcuni hanno riportato lesioni causate dall'inserimento brutale di cannule e tubi nel naso. Il governo ha negato qualsiasi maltrattamento. A fine anno lo sciopero della fame era ancora in corso.
  • a novembre 2005 tre esperti in diritti umani delle Nazioni Unitehanno declinato l'offerta di visitare la base di Guantánamo presentata dal governo degli Stati Uniti, poiché quest’ultimo aveva posto restrizioni contrastanti con quanto normalmente stabilito dagli standard internazionali sulle ispezioni di questo tipo.

Per quanto desti scandalo la prigione, alcuni detenuti sembrano preferirla a quelle dei propri paesi. Due ex-detenuti tunisini hanno chiesto aiuto a Human Rights Watch per le torture ricevute in patria. Un prigioniero algerino ha fatto ricorso alla Corte Suprema degli Stati Uniti invocando il suo diritto a non essere scarcerato, temendo torture nel suo paese d'origine.

Nel dicembre 2008 inizia a essere affrontato il problema della chiusura della base, dopo che il neoeletto presidente Barack Obama intende procederne alla chiusura Il 21 gennaio 2009il Presidente statunitense ha quindi firmato l'ordine di chiusura del carcere, che sarà smantellato entro l'anno. Potete trovare il link dell' intervista su questo link....

Repost 0
Published by Mek
scrivi un commento
11 febbraio 2009 3 11 /02 /febbraio /2009 04:27
Silvio Berlusconi  chiude la porta all'opposizione :Nessun dialogo con questa sinistra," cambieremo la Costituzione con i voti della maggioranza" , poi ci sarà il referendum confermativo . II premier definisce marxista leninista la sinistra, non democratica e senza rispetto per l'altra parte, mentre apre all'Udc e a Casini. Difficile presentare la riforma prima di Natale perchè, spiega Berlusconi, "non presenteremo piccoli provvedimenti ma tutto insieme". Poi una citazione dantesta per diere che il suo governo è "un nuovo inizio, il Paradiso che promette all'Italia il cambiamento necessario". "Ci insulta, così fa male all'Italia", replica il Partito Democratico.
Ecco dopo quest'ultima promessa di creare un paradiso....... possiamo mandarti a fare in culo  senza troppi problemi... e poi chi cazzo sei per Chiudere Il Dialogo con l'opposizione... ( premesso che non sono di sinistra ) e
antidemocratico ascoltare solo la maggioranza... Pezzo di Merda di un Nano..
Incredibile che tutti gli italiani non abbiano ancora bruciato Berlusca davanti al parlamento...
Spero che un giorno possa salire al governo una persona giovane e brillante con tante idee, come succede in molti paesi... non vorrei vedere finire l'italia come la Korea....
Sarebbe ora di mandare a casa queste persone totalmente inutili, anzi dannose, non lasciarle al potere...
anno dopo anno l'italia si sta sbriciolando..
E tutto questo e' molto triste...
Repost 0
Published by Mek
scrivi un commento
11 febbraio 2009 3 11 /02 /febbraio /2009 03:46

Un network online rivolto agli studenti che permette di scambiarsi e-mail, file, consente di chattare, elaborare progetti condivisi e ricevere il calendario aggiornato delle lezioni. Lo ha messo a punto Google e si chiama "Google Apps for Education". Il servizio è gratuito e viene già sperimentato da mesi all'Università di Ferrara, all'Istituto europeo di Design di Milano, alla Johns Hopkins University di Bologna e in 47 scuole della provincia di Sondrio. Si tratta di una suite di applicazioni che lo studente si trova di fronte - una sorta di scrivania da lavoro - ogni volta che accende il computer. Il sistema negli atenei degli Stati Uniti, dove è in uso da due anni, consente di ridurre notevolmente i costi e di velocizzare le comunicazioni rivolte agli studenti. L'Università di Ferrara grazie a Google Apps for Education ha risparmiato circa 60mila euro in un anno, dismettendo alcuni server e sistemi antivirus, visto che il nuovo network è esente da virus, malware e spyware.

Magari un giorno Microsoft non avra' piu' il monopolio.... speriamo...
per il video cliccate su questo
link....

Repost 0
Published by Mek
scrivi un commento
10 febbraio 2009 2 10 /02 /febbraio /2009 21:24

Ecco la lista dei politi con condanne presenti nel nuovo governo....

 

Massimo Maria Berruti (Popolo delle libertà - PDL)
Laurea in giurisprudenza, è stato inizialmente per un periodo capitano della Guardia di Finanza, nel nucleo speciale di polizia valutaria, incarico poi lasciato, dopo il 1985, anno in cui fu arrestato e indagato all’interno di una storia di tangenti (”scandalo Icomec”) ma che alla fine lo vide solo momentaneamente assolto, lavorando prima come commercialista, in seguito come consulente nella Fininvest di Silvio Berlusconi, dove si occupò di società estere e del Milan.
Per il lavoro svolto nel gruppo finanziario nel 1994 subì un arresto, relativamente all’inchiesta sulle tangenti alla Guardia di Finanza, venne accusato di favoreggiamento, di aver tentato di depistare le indagini, cercando di non far parlare i finanzieri arrestati sul caso riguardante la Fininvest. Dal processo ne uscì con inflitta una condanna a 10 mesi in primo grado, successivamente ridotta e venendo quindi ad una condanna definitiva di 8 mesi di carcere per favoreggiamento.

Vito Bonsignore (Unione dei Democratici Cristiani e di Centro - UDC)
2 anni definitivi per tentata corruzione dell’appalto ospedale di Asti

Mario Borghezio (Lega Nord)
Nel 1993 è stato condannato a pagare una multa di 750.000 lire perché responsabile di aver picchiato un bambino marocchino.
Il 19 ottobre 2005 è stato condannato in via definitiva a due mesi e venti giorni di reclusione, commutati poi in una multa 3.040 euro, perché responsabile dell’incendio, aggravato da finalità di discriminazione, appiccato ai pagliericci di alcuni immigrati che dormivano sotto un ponte a Torino nel 2000.
Tra le sue “azioni” anche un’incursione su un treno fermo in stazione, durante la quale, con il sostegno di alcuni militanti leghisti, ha spruzzato disinfettante sulle poltrone dove erano sedute delle donne extracomunitarie.
Durante un intervento del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi al Parlamento Europeo si è reso protagonista, insieme ad altri parlamentari della Lega Nord, di una vivace contestazione contro l’introduzione dell’euro, (urlando la frase “Italia, Italia vaffanculo”) da lui considerata colpevole dello stato di crisi dell’economia italiana. Per questo motivo è stato fatto allontanare dall’aula.
La sera del 17 dicembre del 2005 balza alle cronache per un’aggressione subita in treno sulla tratta Torino-Milano per iniziativa di alcuni no-global e simpatizzanti dei centri sociali; Borghezio e i no-global avevano preso parte a due distinte manifestazione NO-TAV in Val di Susa. I carabinieri avevano sconsigliato in precedenza a Borghezio di salire su quel treno, considerandolo, per lui, poco sicuro.
A febbraio 2006 la situazione si ripete a Livorno, dove Borghezio stava tenendo un comizio organizzato dalla Lega Nord Toscana; fuori dalla sala civica si verifica un attacco congiunto di un centinaio di no-global e di frange estremiste degli ultrà livornesi respinto dalla forze dell’ordine. Un episodio molto simile si è verificato anche il 3 marzo successivo a Padova.
Il giorno 11 Settembre 2007 l’eurodeputato leghista è stato fermato dalla polizia prima di una manifestazione contro l’Islam a Bruxelles. Borghezio racconta di essere stato malmenato, prima di essere fermato insieme a un’altra ventina di persone. In realtà i fermati sono oltre 150, compresi il leghista, il leader e il presidente del partito fiammingo di estrema destra, il Vlaams Belang, Filip Dewinter e Frank Vanhecke. Tutti i fermati sono stati caricati su furgoni con i vetri oscurati e portati al Palazzo di Giustizia. Poco dopo le 18 Borghezio ha lasciato il palazzo di giustizia di Bruxelles. La manifestazione anti-Islam era stata vietata dal comune di Bruxelles, nonostante ciò gli organizzatori (riuniti dalla sigla Stop the islamization of Europe) avevano annunciato che l’avrebbero comunque attuata. Le autorità belghe hanno reagito con ampio utilizzo di forze dell’ordine, schierando agenti in assetto anti-sommossa e reparti a cavallo. Al contrario i manifestanti erano pochi, ancor meno i giovani, con indosso le magliette del movimento anti-Islam.

Umberto Bossi (Lega Nord)
Il 5 gennaio 1994, al processo Enimont Umberto Bossi ha riconosciuto la colpevolezza dell’amministratore del movimento Alessandro Patelli relativamente ad un finanziamento illecito ricevuto dallo stesso da parte di Carlo Sama della Montedison. Dopo aver restituito integralmente la somma di 200 milioni di lire, raccolti dalla base leghista, e dopo l’allontanamento dal partito di Patelli, è stato condannato con sentenza definitiva dalla Cassazione a 8 mesi di reclusione per violazione della legge sul finanziamento pubblico ai partiti.
Bossi è stato in seguito condannato per il reato di vilipendio alla bandiera italiana per averla in più occasioni, il 26 luglio e il 14 settembre 1997, pubblicamente offesa usando, nella prima occasione la frase “Quando vedo il tricolore mi incazzo. Il tricolore lo uso per pulirmi il culo”, nel secondo caso, rivolto ad una signora che esponeva il tricolore, Il tricolore lo metta al cesso, signora, nonché di aver chiosato “Ho ordinato un camion di carta igienica tricolore personalmente, visto che è un magistrato che dice che non posso avere la carta igienica tricolore”. Per la prima affermazione, Bossi è stato condannato il 23 maggio 2001 ad un anno e quattro mesi di reclusione, con la sospensione condizionale della pena; il 15 giugno 2007 la Prima sezione penale della Cassazione, respingendo il ricorso presentato dalla difesa, lo ha condannato in via definitiva. Per il secondo evento si è ricorso alla Camera, nel gennaio 2002, che non ha concesso l’autorizzazione a procedere nei confronti di Bossi (allora ministro delle Riforme) per l’accusa di vilipendio alla bandiera, ma la Consulta ha annullato la delibera di insindacabilità parlamentare, nella sentenza 249 del 28 giugno 2006. All’inizio del 2006 la pena prevista per il reato di opinione è stata modificata, dall’originaria detentiva (che prevedeva fino a tre anni di reclusione), ad una pecuniaria (multa fino al massimo di 5000 euro). Bossi ha chiesto poi che anche la multa gli venisse tolta, in quanto europarlamentare, ma la Cassazione ha rigettato il ricorso confermando la condanna a pagare 3 mila euro di multa.
Il 29 Aprile 2008 Bossi ha dichiarato «Se la sinistra vuole scontri, io ho 300mila uomini. I fucili sono sempre caldi»

Giampiero Carlo Cantoni (Popolo delle libertà - PDL)
Inquisito per corruzione, bancarotta fraudolenta e altri reati, ha patteggiato pene per circa 2 anni di carcere e risarcito 800 milioni di lire.

Enzo Carra (Partito democratico - PD)
Il 19 febbraio 1993 viene arrestato durante l’inchiesta Tangentopoli. Il 4 marzo viene introdotto in aula in catene, verrà poi condannato in via definitiva a un anno e quattro mesi per false dichiarazioni ai pubblici ministeri sulle tangenti Enimont.

Giuseppe Ciarrapico (Popolo delle libertà - PDL)
Ciarrapico è stato nel 1974 condandannato dal pretore di Cassino, gli infligge una multa di 623.500 lire per aver violato per quattro volte la legge che tutela “il lavoro dei fanciulli e degli adolescenti”, sentenza confermata in Cassazione.
Condannato a quattro anni e mezzo di reclusione, ridotti in cassazione a 3 anni, per gli sviluppi della vicenda «Casina Valadier». Inquisito anche per lo scandalo della Safim-Italsanità, il 18 marzo 1993 viene spiccato nei suoi confronti un mandato di custodia cautelare: entra a Regina Coeli il 21 marzo, insieme a Mauro Leone, figlio dell’ex Presidente della Repubblica e dirigente dell’AS Roma con la gestione Ciarrapico. I due vengono ricoverati nell’infermeria del carcere, mentre la società sportiva sprofonda nel caos. Il 24 aprile dello stesso anno a Ciarrapico vengono concessi gli arresti domiciliari.
L’11 maggio viene revocato il mandato di custodia cautelare ma la libertà è breve perché Ciarrapico è di nuovo arrestato e trasferito a Milano, con l’accusa di finanziamento illecito ai partiti. Nel 2000, dopo sette anni, Ciarrapico viene condannato in via definitiva, tuttavia, in ragione della sua età, viene affidato ai servizi sociali.
Nel 1996 è condannato anche nel processo relativo al crack del Banco Ambrosiano di Roberto Calvi, in primo grado a 5 anni e mezzo di reclusione, ridotti in appello a 4 anni e mezzo. Successivamente gli sono stati condonati 4 anni, e condannato a scontare gli ultimi 6 mesi in “detenzione domiciliare” per motivi di salute. La condanna è stata confermata dalla Cassazione. Non ha mai risarcito i danni alle parti civili cambiando continuamente residenza.

Marcello De Angelis (Popolo delle libertà - PDL/AN)
Condannato in via definitiva a 5 anni di carcere per banda armata e associazione sovversiva come elemento di spicco del gruppo neofascista Terza Posizione.

Marcello Dell’Utri (Popolo delle libertà - PDL)
False fatture e frode fiscale
Condannato in via definitiva per false fatture e frode fiscale a due anni e tre mesi di reclusione (patteggiando la pena ed usufruendo dello sconto di pena pari ad un terzo) a Torino

Tentata estorsione
È stato condannato in primo grado a Milano a due anni di reclusione per tentata estorsione ai danni di Vincenzo Garraffa (imprenditore trapanese), con la complicità del boss Vincenzo Virga (trapanese anche lui). Il 15 maggio 2007 la terza corte d’appello di Milano conferma la condanna a due anni.

Concorso esterno in associazione mafiosa
* Le indagini iniziano nel 1994 con le prime rivelazioni che confluiscono nel fascicolo 6031/94 della Procura di Palermo.
* Il 9 maggio 1997 il gip di Palermo rinvia a giudizio Dell’Utri, e il processo inizia il 5 novembre dello stesso anno.
* In data 11 dicembre 2004, il tribunale di Palermo ha condannato Marcello Dell’Utri a nove anni di reclusione con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Il senatore è stato anche condannato a due anni di libertà vigilata, oltre all’interdizione perpetua dai pubblici uffici e il risarcimento dei danni (per un totale di 70.000 euro) alle parti civili, il Comune e la Provincia di Palermo.

Calunnia pluriaggravata
È stato imputato, e successivamente assolto, a Palermo per calunnia aggravata ai danni di alcuni pentiti. Secondo l’accusa avrebbe organizzato un complotto con dei falsi pentiti per screditare dei veri pentiti che accusavano lui ed altri imputati. Per questa accusa, il gip di Palermo dispose l’arresto di Dell’Utri nel 1999, ma il Parlamento lo bloccò.
Il giudici della quinta sezione di Palermo hanno assolto Marcello Dell’Utri, «per non avere commesso il fatto» in base all’art. 530, secondo comma del codice di procedura penale, dall’accusa di calunnia aggravata, era stato accusato di aver organizzato una combine con alcuni pentiti, per screditare tre collaboratori di giustizia che lo accusavano nel processo per concorso esterno in associazione mafiosa. Era stato condannato in primo grado a 9 anni.
La Procura aveva chiesto una condanna di 7 anni.

Renato Farina (Popolo delle libertà - PDL)
La magistratura ha indagato sui rapporti da lui avuti con alcuni membri del Sismi (i servizi segreti militari). Farina ha confermato di fare parte del Sismi dal 1999. Nel giugno 2004, riceve da Pollari (l’allora direttore del Sismi), tramite Pio Pompa, l’ordine di recuperare da Al Jazeera le immagini dell’esecuzione di Fabrizio Quattrocchi ed è proprio in questa operazione che nasce il suo nome in codice: Betulla. Con il suo operato inoltre fornisce ai servizi segreti informazioni nelle mani dei pubblici ministeri sul rapimento della giornalista de il manifesto Giuliana Sgrena, tenuta prigioniera in Iraq dall’Organizzazione della Jihad islamica.
Il 2 ottobre 2006 l’ordine dei giornalisti lombardo lo sospende per un anno per aver pubblicato notizie false in cambio di denaro dal Sismi.
Nell’ottobre 2006 la Procura ne chiede la radiazione dall’albo dei giornalisti. Farina a novembre 2006 viene messo sotto scorta delle forze di polizia in quanto oggetto di intimidazioni anonime. Riceve nello stesso mese anche un finto pacco-bomba firmato Fronte Rivoluzionario per il Comunismo.
Nel dicembre 2006 il sostituto procuratore di Milano, Armando Spataro, ne chiede il rinvio a giudizio assieme ad altre 34 persone, nell’ambito dell’inchiesta sul rapimento dell’ex imam di Milano, Abu Omar. Trentadue di esse sono accusate di concorso nel sequestro. Renato Farina (accusato di aver organizzato una falsa intervista con i magistrati con il solo scopo di raccogliere informazioni sull’indagine) e i funzionari del Sismi, Pio Pompa e Luciano Seno, devono rispondere invece di favoreggiamento.
Nel febbraio 2007 ha patteggiato la pena ed è stato condannato a sei mesi di reclusione. La pena è stata immediatamente commutata in una multa di 6.800 euro.
Farina ha riconosciuto le accuse di favoreggiamento mosse a suo carico e, nel corso degli interrogatori, ha ammesso di essere stato pagato ripetutamente dal SISMI per le sue attività e di aver ricevuto pressioni da Pollari e Pompa per reperire informazioni sulle indagini in corso sul sequestro di Abu Omar.

Giorgio La Malfa (Popolo delle libertà - PDL)
Nell’ambito del “processo Enimont”, ha subito una condanna definitiva a 6 mesi e 20 giorni per finanziamento illecito.

Roberto Maroni (Lega Nord)
È stato condannato in via definitiva a 4 mesi e 20 giorni per resistenza a pubblico ufficiale. Il reato contestato è stato commesso in Milano il 18 settembre 1996 durante una perquisizione disposta dal Procuratore della Repubblica di Verona nei confronti di tale Marchini Corinto, e poi estesa ad un locale ritenuto nella disponibilità del predetto presso la sede federale di Milano della Lega Nord per l’indipendenza della Padania. Maroni ha riportato ferite cercando di difendere col proprio corpo, assieme ad altri leghisti, i locali dalla perquisizione.

Domenico Nania (Popolo delle libertà - PDL)
Condannato in via definitiva per lesioni volontarie personali, per scontri politici negli anni universitari.

Antonino Papania (Partito democratico - PD)
Nel 2002 è stato condannato per abuso d’ufficio, perché scambiava regali con assunzioni.

Giuseppe Naro (Unione dei Democratici Cristiani e di Centro - UDC)
Condannato in primo grado a 3 anni e in Cassazione a 6 mesi definitivi di reclusione (erano 3 anni in
primo grado) per abuso d’ufficio nel processo per l’acquisto con denaro pubblico di 462 ingrandimenti fotografici, alla modica cifra di 800 milioni di lire.

Salvatore sciascia (Forza Italia - FI)
condannato definitivamente a 2 anni e 6 mesi per aver corrotto alcuni ufficiali e sottufficiali della Guardia di finanza.

Antonio Tomassini (Forza Italia - FI)
Medico chirurgo, condannato in via definitiva dalla Cassazione a 3 anni per falso.


Ed ora Ditemi.... Questi ci dovvrebbero rappresentare??? scegliere le nostre leggi??? Proteggerci???
Mi sa Che siamo messi male.....

Repost 0
Published by Mek
scrivi un commento

Povera Italia

  • : Povera Italia
  • Povera Italia
  • : Un Blog Orientato all'informazione, e sulla denuncia contro la casta politica..
  • Contatti

SITO CONSIGLIATO

BannerFans.com

PROGRAMMI GRATIS UTILI

RealPlayer ti permette di scaricare i video di YouTube con un semplice clic di mouse, e lo stesso vale per migliaia di altri siti di video. Scaricalo Gratis .

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

VideoSpin è un editor intuitivo che anche gli utenti meno esperti potranno usare per creare in pochi minuti le loro presentazioni di filmati e foto. Gratuito, in italiano, con supporto per una grande varietà di formati. Scaricalo Gratis. 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Google Chrome è una validissima alternativa a Interner Explorer.. Chrome un browser che combina un design semplice ad una tecnologia sofisticata che rende più veloce, facile e sicuro l'uso del Web. Giovane e Dinamico.. Scaricalo Gratis. 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 

L'editing delle immagini è la grande forza di PhotoFiltre, un'applicazione in grado di visualizzare e modificare a fondo ogni aspetto delle tue foto. Un prodotto gratuito che merita di essere provato . Scaricalo Gratis. 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 

SLD Codec Pack contiene gli ultimi codec audio e video per visualizzare filmati in formato Divx. Tra le sue caratteristiche principali: include un lettore DVD, Mp3 encoder con Media Player, Professional Mp3 codec, DivX (tutte le versioni), supporta tutte le vecchie versioni di divx ( formato Divx ;-) Audio ), legge e comprime files WMA, supporta files in formato Mpeg-2, AC-3, Ogg Vorbis, Xvid e Microsoft MPEG-4 Version 1, 2, 3. Scaricalo Gratis. 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

INFORMATI